“Per tutta la società della Boville è stato un motivo di orgoglio organizzare la 1a tappa del Circuito Prestige Juniores”

Giulio Arcangeli

Presidente ASD Boville

Alex Incerti della Rubierese tra gli Under 18 e Federico Manuelli della Metaurense tra gli Under 15 sono i vincitori della prima tappa del Circuito Prestige As Group, gara nazionale giovanile, organizzata dalla Boville Marino.

Incerti ha superato, in finalissima, Riccardo Campanelli della San Cristoforo per 10-7; mentre, Manuelli ha sconfitto, nel match d’epilogo della kermesse riservata agli Under 15, il pugliese Luciano Giaquinto di Tricase.

Tra gli Under 18, al terzo posto si è classificato Lorenzo Lucarelli del Lucrezia, in quarta posizione Luca Sciamanna del Flaminio.

Trenta gli Under 18 iscritti alla manifestazione capitolina, dodici gli Under 15, che hanno sciorinato il proprio gioco davanti al consigliere federale Vincenzo Santucci e al presidente della FIB

Lazio, Flavio Stani, nella competizione disputata a porte chiuse nel rispetto delle normative per prevenire il contagio da Covid.

A dirigere lo staff arbitrale è stato Giuseppe Miceli, arbitro nazionale dell’AIAB Roma. 

LE PAROLE DEL PRESIDENTE

“Per tutta la società della Boville è stato un motivo di orgoglio organizzare la prima tappa del Circuito Prestige juniores – ha affermato il presidente del club di Marino, Giulio Arcangeli – Volevamo dare un segnale tangibile per la ripresa dell’attività giovanile. Avere oltre quaranta atleti tra Under 18 e Under 15 al via, provenienti da sette

regioni, è stato un ottimo riscontro. Credo che siano numeri più che soddisfacenti, visto il periodo di emergenza sanitaria ancora in corso”. 

“La Boville sta lavorando sul proprio settore giovanile, sia dal punto di vista agonistico che promozionale – ha sottolineato Arcangeli – Abbiamo, al momento, tre Under 18 e altrettanti Under 15, con cui parteciperemo al campionato juniores. L’obiettivo è incrementare il numero e, dal punto di vista tecnico-agonistico, in un prossimo futuro inserire i nostri migliori ragazzi in prima squadra. Abbiamo nel team validi campioni, grazie ai quali il processo di crescita dei nostri giovani potrebbe avvenire più velocemente. La Boville pensa al futuro e, per far ciò, non può che prescindere dai ragazzi”.

FONTE: FIB

Condividi

Condividi con chi vuoi!